Passa ai contenuti principali

Vincent Van Gogh: autoritratti a confronto

                          File:VanGogh 1887 Selbstbildnis.jpg
                               olio su tela 42 x 33,7 conservato all' Art Istitute di Chicago

Autore di ben 864 tele e di più di mille disegni, tanto geniale quanto incompreso in vita, si formò sull'esempio del realismo paesaggistico dei pittori di  Barbizon e del messaggio etico e sociale di  Jean-Francois Millet. Attraversata l'esperienza dell'Impressionismo, ribadì la propria adesione a una concezione fortemente romantica, identificando arte ed esistenza, ripercorrendo e raffigurando nelle sue tele il dramma interiore che lo accompagnerà tutta la vita,Van Gogh pose le basi dell' Espressionismo.

Nella sua carriera artistica Vincent Van Gogh realizzò una gran numero di autoritratti, ma tra tutti quello che lo ritrae in fondo alla pagina è considerato il più bello.
Realizzato nel Settembre del 1889, mentre si trovava ricoverato presso il manicomio di Saynt Remy. Si tratta  un piccolo dipinto ad olio su tela delle dimensioni di 65 x 54 centimetri, si trova esposto a Parigi, nel Museo di d'Orsay.
Colpisce di quest'opera  lo sguardo fortemente turbato, quasi allucinato, forse dovuto al periodo di grave crisi psichica cin cui versava il pittore, tanto da tentare il suicidio. Lo sfondo del quadro è formato da spirali grigio-verdi arrovellate, molto simili al fogliame dei cipressi dipinti in quel periodo. L'andamento turbinoso della pennellata sembra evocare una sorta di  perdita di orientamento dovuta, forse, alle gravi crisi nervose che  offuscavano la tranquillità della sua tempestosa vita.
Nello sguardo del pittore si percepisce una nota di velata tristezza, mentre i colori ci suggeriscono la ricerca di una tranquillità agognata.


                      File:SelbstPortrait VG2.jpg

Commenti

  1. che bella idea questo post...
    monica c.

    RispondiElimina
  2. grazie Monica, Van Gogh è uno dei miei pittori preferiti

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…