Passa ai contenuti principali

Il Liutaio un mestieri del passato: "Stradivari"

La capacità tecnica nel realizzare oggetti di un certo tipo e valore, diviene capacità artistica, una di queste figure "artistiche" è rappresentata senza dubbio dal mestiere del liutaio.
Tra il 500 e il 600  nascono e si sviluppano in Italia diverse botteghe artigiane di liutai, ricordiamo i grandi liutai del periodo: Guarnieri, Amati ed il ben noto Stradivari.
I diversi fattori che presiedono alla costruzione di uno strumento musicale, sia esso  arco, viola, violino o chitarra, sono molteplici.
Innanzitutto la scelta della qualità del legno ( abete, acero, ebano) gli anni di stagionatura del legno stesso, il tipo di verniciatura adottata, che oltre ad avere un valore esteico consente la protezione del legno  dalle influenze atmosferiche.
Il violino nasce come strumento di piccole dimensioni e nel 600, venne realizzato come viola da braccio,  riscuotendo un grande successo. Questo cambiamento portò via via  alla modificazione dello strumento originario, cambiarono il numero delle corde,  e la costruzione delle singole parti, fino ad arrivare nel 700 alla grande arte costruttiva di "Antonio Stradivari".

Stradivari acquistò una casa con annesso laboratorio in piazza San Domenico a Cremona. Dopo il 1690, cominciò a mostrare la sua originalità diversificando la propria produzione da quella dei modelli di Amati:  ne migliorò la curvatura, uniformò lo spessore e l'inclinazione del legno e intensificò il colore della vernice. Sapeva scegliere come pochi altri il legno da usare per i suoi strumenti, sembra che per la  preparazione dei legni, Stradivari, usasse un composto di silicato, potassio e calcio.
La caratteristica principale dei violini Stradivari, è costituita dalla potenza sonora e dalla corposità del suono, anche nell'esecuzione del "pianissimo". I violini di questo noto liutaio, sono stati sottoposti a numerosi test e verifiche nel tentativo di carpirne il segreto, si pensa che le elevate qualità di questi strumenti  sia dovuta alle grandi doti artistiche dell'autore, dalla capacità di scelta del legno alla miscela delle vernici utilizzate. Stradivari usava per la costruzione dei violini, in gran parte, legno di  abete rosso maschio, da preferire anche per altri strumenti a corda.
I suoi migliori strumenti furono costruiti tra il 1698 e il 1730, negli anni a seguire, molti strumenti portano la firma sub disciplina Stradivari, in quanto probabilmente furono costruiti dai figli sotto la super visione del padre.
Oltre ai violini, Stradivari creò anche viole, arpe, violoncelli viole da gamba di vari tagli, chitarre, bassetti, liuti, tiorbe, pochette, mandole e mandolini, si stima la produzione di  oltre 1100 strumenti musicali in tutto. Circa 500 - 600 di questi  sono ancora esistenti.
Gli Stradivari sono tuttora considerati i migliori strumenti a corda mai creati, purtroppo gli esemplari  di violino integri, attualmente presenti, sono una cinquantina in tutto il mondo, stimati a prezzi elevatissimi.
Un'altro liutaio, sempre italiano, Giuseppe Guarnieri del Gesù, fu in grado di ottenere strumenti a corda eccelsi, alla stregua degli strumenti Stradivari.




Stradivari usava per la costruzione dei violini in gran parte della struttura legno di  abete rosso maschio, da preferire per molti strumenti a corda.
I suoi migliori strumenti furono costruiti tra il 1698 e il 1730, negli anni successivi, molti strumenti portano la firma sub disciplina Stradivari,  costruiti, con molta probabilità  dai figli.

Violino Stradivari "Palacio Real" Mdrid foto di Håkan Svensson
                              

Violino moderno Foto Mara Mencarelli

Contreras chitarra spagnola

Contreras "dettaglio"

Commenti

  1. I violini di Stradivari sono bellissimi, il legno proveniente da Paneveggio, che ha usato spesso e volentieri è imbattibile. Io adoro il suono dei violini, mi commuove sempre :D

    RispondiElimina
  2. Mio figlio Andrea suona il violino..è uno strumento veramente difficile e molto bello.
    Andrea lo studia da 3 anni è molto bravo

    RispondiElimina
  3. guarnieri del gesù, amati e stradivari... la scuola di liuteria di cremona è la prima al mondo... ci passavo davanti un sacco di volte quando abitavo lì, e ho visto il museo di liuteria al palazzo del comune.... grazie, mi hai ricordato la mia adolescenza
    monica c.

    RispondiElimina
  4. Di nulla..bella questa cosa

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…