Passa ai contenuti principali

Celia Cruz: " la Rejna"

Celia Cruz


Úrsula Hilaria Celia Caridad Cruz Alfonso nata all''Avana, 21 ottobre 1925 – Fort Lee, 16 luglio 2003. Nata  nel quartiere di Santos Suárez, all'Avana, fu la seconda di quattro fratelli. Studiò per diventare maestra e ricevette lezioni di piano all'Accademia Musicale Municipale.
Iniziò a cantare fin da piccola, esordiendo nel 1947 in un programma radiofonico, chiamato La hora del tè. Nel 1948 lavorò come cantante nel  gruppo Las Mulatas de Fuego di Roderico Rodne Neyra, con il quale incise le sue prime canzoni e fece tournee in Venezuela e Messico.
Nel 1950 iniziò la sua collaborazione con il gruppo Sonora Matancera, con la quale registrò il suo primo disco a 78 giri che includeva le canzoni:

Cao, cao maní picaó (Scritta daJosé Carbó Menéndez)
Mata siguaraya (Scritta da Lino Frías)

Il successo arrivò immediato e Celia visse con Sonora Matancera il suo periodo artistico d'oro, che durò 15 anni e vide la pubblicazione di molti straordinari successi, quali Burundanga, Caramelos, El hierbero moderno, Tu voz, Ritmo tambó y flores, Pa' la paloma, Nuevo ritmo omelenkó, Vallán vallende, La sopa en botella e molti altri.

Trascorse gran parte della sua vita negli Stati Uniti d'America e non poté più fare ritorno nella sua amata Cuba, se non per un unico concerto nella base americana di Guantánamo. Celia Cruz è stata una delle cantanti latino americane di maggior successo del XX secolo, una tra le più conosciute; ha ricevuto innumerevoli premi e riconoscimenti in tutto il mondo tra cui spiccano 22 dischi d'oro, 3 Grammy Award e 4 Latin Grammy Award. Aveva un esclamazione  che amava ripetere e che è conosciutissima in tuttto il mondo: Azúcar!(zucchero).
Tra i suoi numerosi brani ricordiamo quelli che l'hanno vista interprete negli ultimi anni della sua vita:

Nel 2000, con l'album Celia and friends vince il suo secondo Grammy, premio che ottenne anche l'anno successivo con l'album Siempre viviré.

Nel 2001 partecipa a Modena al Pavarotti & Friends per l'Afghanistan interpretando, insieme a Luciano Pavarotti, (tenore italiano), Guantanamera.

Colta da un tumore cerebrale, continuò a cantare e incise altri due album, La negra tiene tumbao e Regalo del Alma, pubblicato postumo, che contiene l'ultima hit "Ríe y llora".

                                    



Celia Cruz
                                                        

Nel 2003, quando la sua malattia era già in stato molto avanzato, il canale televisivo "Telemundo" decise di dedicarle un concerto tributo, presentato da Marc Anthony e Gloria Estefan. In quell'occasione, nel teatro di Miami, cantarono per lei alla sua presenza, oltre a Gloria Estefan e Marc Anthony, Gloria Gaynor e Patti La Belle, le più grandi voci dell'America latina, José Feliciano, Millie Quezada, La India, Ana Gabriel, Paulina Rubio, Tito Nieves, Gilberto Santa Rosa, Alicia Villareal, Olga Tañón, Arturo Sandoval, Rosario, Los Tri-o, Victor Manuelle e suo marito, Pedro Knight.
Si è spenta, per via del suo male, il 16 luglio 2003 nella sua casa a Fort Lee nel New Jersey.
Celia Cruz, battezzata la "guarachera de Cuba", nome derivante dal genere musicale guaracha, emerse negli anni 50 come una degli interpreti più rappresentativi del Mambo e del  Cha cha cha.
Ha collaborato per diversi anni con Tito Puente, uno dei compositori e arrangiatori più fecondi della musica latina, diffuse l'uso dei "timpani" e ne fu un abile suonatore.
Oltre  a collaborare con Tito Puente e la Sonora Matansera, fece parte di numerosi gruppi come voce solista, quali: Conjunto Pacheco, La Fania All Star, Senora Pocena (anni 80).
Tra gli anni 80 e il 2000, la vediamo collaborare con importanti artisti di fama internazionale quali Oscar d' Leon, Josè Alberto el Canario, La India, Cheo feliciano, e molti altri.
Negli ultimi anni della sua vita (1998), incise l'intramontabile "La vida es un carnaval".
La grande Celia ha rappresentato la musica cubana e latino-americana in tutto il mondo, il suo nome è conosciuto ovunque, è stata una vera "messaggera della musica cubana", la donna che, più di tutte ha segnato la storia della Salsa cubana.


                                                                   La Rejna
Celia Cruz
                                 

Commenti

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…