Passa ai contenuti principali

Cioccolato caldo: prepararlo e servirlo a doc

Una carica di energia, una delizia per il palato, un rigenerante per l'umore, la cioccolata venduta in polvere, tavolette, cioccolatini, inserita nei dolci e gustata in mille modi diversi e apprezzata da un vasto pubblico.

La prima tavoletta di cioccolato di tipo commerciale fu prodotta in Inghilterra intorno al 1820, circa 50 anni dopo gli svizzeri brevettarono delle tavolette di cioccolato contenenti del latte, (Daniel Peter e Henri Nestle).
Il processo di preparazione del cioccolato inizia con la "miscelazione":
partendo dall'ingrediente base della pasta di cacao, ottenuta dalla lavorazione dei semi di cacao, vengono aggiunti gli altri ingredienti:
  • Fondente: pasta di cacao, burro di cacao vaniglia e zucchero.
  • Al latte: come sopra, ma con aggiunta di latte fresco o latte in polvere
  • Bianco: burro di cacao, zucchero, vaniglia, latte fresco o latte in polvere 
Se vogliamo farci tentare, nelle giornate più fredde, da una bella cioccolata calda in compagnia di qualche amico, possiamo prepararla velocemente con della polvere di cacao dolcificata o non, e del latte, in alternativa, se si è allergici al latte si può utilizzare tranquillamente del buon latte di soia, il risultato sarà comunque ottimo, (in questo caso è da preferire del cacao fondente senza aggiunta di lattosio o derivati).
Abbiate cura di scaldare il liquido ed aggiungere lentamente la polvere rimestando continuamente evitando la formazione di grumi, per facilitare la cosa è consigliabile mettere la polvere in un contenitore ed aggiungere un po' di liquido tiepido rimestare fino a formare una crema, a a questo punto aggiungere il tutto al bollitore e continuare la cottura. Per un cioccolato più intenso possiamo sciogliere nel composto 50gr di cioccolato fondente per ogni 4 tazze  medie(800cl di latte).

Servire il cioccolato

Un'altra "dolcissima tentazione" da unire ad un buon cioccolato fumante è la panna, o un cucchiaio di gelato a scelta (consigliabile crema, malaga, cioccolato, tartufo, vaniglia).

Una volta attuata la scelta possiamo servire la nostra cioccolata. 
In alternativa possiamo optare per dei set appositamente studiati e creati per ottenere e servire un ottimo cioccolato:

Theo: La cioccolatiera realizzata in gres che mantiene all'interno il calore dotata di frullino che consente di sbattere e spumeggiare il cioccolato. dotato di fornelletto- sottopentola dove viene alloggiata una candela che mantiene caldo il cioccolato.

Theo "Laboratorio Pesaro"

Un altro prodotto dal fascino notevole è la cioccolatiera oro bruno set cioccolata, sono previsti due tipi di cioccolatiera di due diverse dimensioni, una per preparare il cioccolato in polvere, l'altra per sciogliere il cioccolato in pezzi ed ottenere un'ottima fonduta. Dotata di frullino per sbattere e spumare e di fornelletto con candela per mantenere il composto caldo.


Oro bruno "laboratorio Pesaro"





 

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…