Passa ai contenuti principali

Training autogeno e gravidanza

5874413798_e290642177.jpg

Il training autogeno nasce in Germania intorno agli anni venti ad opera di uno psichiatra ed un neurologo Johannes Schulz e Wolf-gang Luthe, i quali  misero a punto degli esercizi  vertebrali silenziosi considerati una forma occidentale simile alla meditazione praticata in oriente. Il training autogeno è una dell terapie del corpo e della mente più semplici e flessibili, essa getta le basi per una crescita  personale e per l'autorealizzazione contemporaneamente ad uno sviluppo delle capacità intellettive.
Vi sono numerose ricerche che attestano la validità di questa tecnica, attualmente è praticata in molte strutture ospedaliere per affrontare ed alleviare i dolori del parto, è impiegata in aeronautica e negli Stati Uniti è  stata utilizzata per preparare gli astronauti.
Lo  scopo degli esercizi di Training, è quello di raggiungere uno stato della coscienza molto simile alla meditazione, in molti casi consente al corpo di operare processi di auto guarigione. 
Molto utile anche nelle forme di  depressione postum parto associato ad un supporto psicologico e talvolta necessariamente anche farmacologico.
Il training autogeno induce uno stato di rilassamento atto ad aumentare le prestazioni la concentrazione e a ridurre lo stress, esso crea, così come l'autoipnosi e la meditazione, uno stato di "concentrazione passiva" nel quale la mente puo'dirigere la sua attenzione a varie parti del corpo analizzate in una sequenza specifica, adottando posture precise e espressioni verbali che concorrono a far raggiungere lo stato di quiete.
Tra  una seduta e l'altra, praticata con l'ausilio di figure professionali, è necessario operare degli esercizi autogeni con regolarità, dedicando una decina di minuti al giorno per almeno tre volte al giorno, dopo diversi mesi di pratica si dovrebbe riuscire a mantenere uno stato di concentrazione e rilassamento positivo per almeno mezzora.
Tra gli effetti benefici a lungo termine riscontrati in chi pratica con assiduità il training troviamo un aumento della creatività, una maggior concentrazione, ed un controllo del dolore superiore, in quanto le metodiche di rilassamneto consentono di  riequilibrare i due emisferi del cervello ( destro e sinistro).
I corsi di Training autogeno sono generalmente rivolti a piccoli gruppi e divisi in sedute a cadenza plurisettimanali o settimanali,  una volta acquisita uno certa padronanza esso diventa una terapia utile e versatile  per ridurre lo stress e favorire il benessere, anche solo dieci minuti al giorno possono giovare enormemente a corpo e mente. I primi tempi in cui cercheremo di applicare in casa gli esercizi appresi al corso troveremo magari qualche difficoltà e tenderemo a farci distrarre da situaioni e pensieri esterni, ma con il tempo la metodica di rilassamento ci sembrerà più semplice e l'effetto che ne ricaveremo ci indurrà a praticarla nuovamente.
 
5074840746_0083f3f1bf.jpg
 
 
 

Commenti

  1. Quando ho partorito io sperimentavano l'aromaterapia in ospedale... peccato fosse a estrazione, e io naturalmente non sono rientrata...

    RispondiElimina
  2. A pensarci bene, credo che in gravidanza sia assolutamente un grosso aiuto
    Monica C.

    RispondiElimina
  3. Io credo molto al training autogeno.Julie

    RispondiElimina
  4. Io l'ho praticato per diverso tempo ho fatto proprio un corso ed è veramente molto efficace sia in gravidanza che non...ultimamente avrei bisogno di riprendere a farlo sono un po' stressata

    RispondiElimina
  5. E' utile soprattutto dopo...^_^
    Ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…