Passa ai contenuti principali

5 modi per scegliere il nome di un blog

Molte persone approcciano al mondo del web con poca esperienza e davanti alla scelta del nome del proprio blog o siti entrano in crisi. In realtà la scelta del http del nostro sito è abbastanza semplice ma vediamo insieme 5 modi per scegliere il nome di un blog in maniera efficace e semplice.
   





5 modi per scegliere il nome di un blog senza sbagliare

  1. In primis vi consiglio sempre è comunque di adottare un dominio prima livello che vi aiuterà ad indicizzare meglio il vostro sito e a rendere il nome più facile di memorizzare. Dunque non nome blog + piattaforma (overblog, blogger etc.) .it .com . org..... ma nome blog seguito da .it o .com o quello che preferite in relazione anche al sito o blog che state creando.
  2. Tra i 5 modi per scegliere il nome di un blog ricordate che vi è anche il numero delle parole. Scegliere un nome non composto o composto da solo 2 o 3 parole meglio se una  tenendo sempre conto del fattore memoria.
  3. Scegliere un nome inerente alle tematiche che trattate o se adottate il vostro nome avvaletevi di tag specifici che vi aiutino facilmente ad indicizzare il sito. Per fare un esempio non scegliete un nome generico come ma usate parole ricercate nel web. Se si tratta di un blog di cucina la parola ricette, cucinare, o magari cuocere sono indicate: un 'idea? "Cuocere insieme", "Ricette golose" e così via. Un blog generico? Inserite parole come "notizie, storie, informazioni, etc. Guardate che il nome non è da sottovalutare ma se non puntate ad una grande visibilità allora potrete scegliere anche un nome "che vi piace" e basta. Ricordate che spesso il successo di un blog è proprio dovuto alla scelta del nome e dei tag categoria. 
  4. Scegliere il nome in base alla geolocalizzazione e al vostro hosting. Se siete italiani vivete in Italia ed avete un blog in Italiano con Hosting italiano non usate parole inglesi per il nome del vostro sito o blog a meno che non si tratti di parole inglesi comunemente ricercate nel web anche dagli utenti italiani.
  5. Non clonate e non rubate nomi altrui. Sareste solo una brutta copia e rischiereste di incorrere in problematiche di altro genere. Allo stesso modo se scegliete un buon nome rischiate voi che vi venga clonato. Per farvi un'esempio io ho diversi blog e con molta probabilità i nomi sono stati ampiamente copiati. Ho un blog di cucina che si chiama ricette in pentola uscito 6 o 7 anni fa e quest'anno un noto chef ha redatto un libro con lo stesso nome. Ho un blog di moda che si chiama appunto Madam collection moda anche questo di vecchia data e due anni fa è uscita una linea di prodotti per il make up con il medesimo nome, senza contare il mio blog di punta "Notizie in vetrina" da cui molti hanno preso spunto per inserire una categoria"tag" nel loro blog chiamandola appunto con questo nome.
Vi ho elencato i 5 modi per scegliere il nome di un blog in maniera credo abbastanza semplice e spero che vi siano utili per la scelta del nome del vostro sito o blog. 
Ciao e alla prossimo post!
Mara

Commenti

  1. davvero utili questi tuoi consigli, li terrò ben in mente e li farò vedere ad una mia amica che vuole aprire un blog

    RispondiElimina
  2. ottimi consigli, io ormai ho già scelto a suo tempo, anche se si può sempre cambiare, ma comunque sono preziosi per chi sta per aprire un blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh cambiare nome significa dover reindirizzare tutti i contenuti.... meglio scegliere bene quando si inizia

      Elimina
  3. aprire un blog non è sempre facile ma avendo dei consigli come i tuoi potrebbe essere più semplice per chi è alla prime armi

    RispondiElimina
  4. Ottimo articolo e utili consigli !!!...io il nome del mio blog l'ho scelto utilizzando il nomignolo che mi dava mia nipote da piccola...

    RispondiElimina
  5. ciao Mara, appunti davvero interessanti e spunti utili! I nomi dei tuoi blog son stati studiati bene, ecco perché replicati!

    RispondiElimina
  6. Complimenti per questo articolo. D'avvero molto utile e interessante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…