Passa ai contenuti principali

Vincent Van Gogh: I Girasoli

Van Gogh, realizzò una seride di dipinte su tela ad olio, nel periodo che va dal 1887 al 1889, raffiguranti dei girasoli. Le prime quattro tele furono realizzate a Parigi nel 1887.
I girasoli erano uno degli elementi preferiti di Van Gogh, una delle sue opere adornò le sale dell'abitazione di Paul Gauguin.
le opere mostrano una varietà numerica di girasoli, da un minimo di due ad un massimo di 12 ma ne troviamo  dipinto ad Arles nel 1889 e  custodito al museo di Tokio  con ben 15 girasoli, tranquillamente adagiati in un vaso. Il fiore viene rappresntato in vaso o disteso su di un piano, dipinto nei colori cromatici presenti in natura, utilizzando tutte le sfumature del giallo fino ad incontrare l'arancio e il marrone tenue, gli sfondi e il piano d'appoggio sono rappresentati da colori tenui pastellati, varianti dal celeste al verdino o marrone.
Il primo dipinto di questa lunga serie è un vaso con dodici girasoli che si trova attualmente in Germania a Monaco nella  Neue Pinakothek.
Le tele sono piuttosto piccole le dimensioni sono generalmente 93 cm x 72 cm.
Le immagini sono calme, pacate, rievocano una mescola tra natura morta e essenza della vita, in cui tutto è mutabile, nulla è per sempre, così gli splendidi girasoli sembrano sfiorire e rifiorire, in un alternanza di beltà vita e morte. Troviamo raffigurazioni di girasoli appassiti  in contrapposizione con altre tele in cui il fiore appare in tutto il suo rigoglioso e solare splendore.
Una delle opere dei girasoli è stata venduta a 53,9 milioni di dollari in un' asta avvenuta nel 1987 divenendo una delle opere maggiormente quotate al mondo.


15 Girasoli. Foto Mara Mencarelli
                                                         

Commenti

  1. Che belli i quadri dei girasoli :D

    RispondiElimina
  2. Quello della foto è il mio...peccato sia una bella copia!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…