Passa ai contenuti principali

Fiori di carta: tecniche di base

Abbiamo preso in esame quali sono gli attrezzi e i materiali utili, e i vari tipi di  carta da utilizzare, ora passiamo a vedere quali sono le tecniche di base per realizzare i nostri fiori di carta.
Una volta scelta la carta e il tipo di trattamento a cui vogliamo sottoporla, lavaggio ceratura ecc. iniziamo il nostro lavoro.
  • Ritagliare dal rotolo di carta (crespa) delle sezioni in strisce verticali di dimensioni e altezze diverse in modo da poter realizzare fiori di varie dimensioni
  • Possiamo ricavare dei petali srotolando la striscie e ricavandone dei rettangolini allargarne la parete superiore a ventaglio stirando leggermente la carta con le dita,  se vogliamo ottenere dei petali doppi osserveremo lo stesso procedimento
  • Per curvare i petali conferendogli un aspetto naturale li orienteremo verso il basso utilizzando uno stecchino, o un bastoncino, tenendoli in piega per qualche istante
  • Per dare una forma concava al petalo basterà premere nel centro con le dita e tirare verso l'esterno
  • La stessa tecnica si adotta se vogliamo ricavare i petali, anziché singolarmente, da un'unica striscia che avremo precedentemente arrotolato e tagliato nell'estremità superiore a semicerchio avendo cura di scendere un po' di più (2- 3 mm) da uno dei due lati, in questo modo otterremo dei petali in grandezza decrescente.
  • I petali possono essere fissati allo stelo in fil di ferro verde con colla o nastro di carta, (c'è chi adotta del fil di ferro sottile).
  • Per ottenere pistilli e stami provvederemo a ritagliare striscioline che andremo a sfrangiare, (comunque dipende dal tipo di fiore che andiamo a realizzare).
  • Una volta terminato il fiore e legato con cura, va sistemato e modellato con le mani
  • Le foglioline vanno ricavate ritagliando delle forme più simili possibili a quelle presenti in natura, generalmente si usa la carta crespa di grammatura superiore. Va attaccata al gambo con la colla a presa rapida o legata con del filo.
  • A questo punto arrotoleremo il gambo e la base delle foglie con una strisciolina sottile ma lunga di carta crespa leggera incollandola di tanto in tanto, anche se si può mettere colla anche solo all'inizio e alla fine).
  • Per rendere più realistiche le foglie si può dipingerle con dei colori ad acquerello sfumandole o realizzando delle nervature.
  • Se decidiamo di cerare i nostri fiori (rose), è più indicato utilizzare carta crespa di spessore non troppo sottile, quindi media e grossa.
                                          Buon lavoro        
Petalo in carta crespa
                                              

Commenti

  1. bellissima idea, ora che arriva la primavera fanno una bella macchia di colore
    monica c.

    RispondiElimina
  2. a me piacciono molto ma richiedono un bel po'di lavoro

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Post popolari in questo blog

Cover personalizzata per smartphone

La moda e le tendenze  ci hanno reso più attenti non solo per quanto riguarda l'abbigliamento ed il design, ma anche per tutta una serie di prodotti che un tempo non destavano molta attenzione. Sto parlando delle cover e delle custodie per tablet e smartphone prodotti tecnologici che appartengono alla nuova era del 2000. C'è chi si accontenta di cover e custodie tablet e laptop semplici e dozzinali e chi invece ama i prodotti più ricercati. Una cover personalizzata per smartphone avrà sicuramente un impatto più gradevole, potremo sentirla nostra ed anche farla diventare un bell'oggetto che  ci ricorda qualcosa, un 'icona della nostra vita se la personalizziamo con una foto ad esempio, di un viaggio, o in coppia con una persona per noi importante. 


Cover personalizzata per smartphone: tante idee  Se cercate un'idea d'autore e volete entrare in possesso di una cover personalizzata per il vostro smartphone potrete avvalervi di siti on line che offrono questo stup…

Divani letto con penisola: modelli, consigli e cenni storici

Il primo divano nella storia fu creato nel Paleolitico in seguito all'esigenza delle popolazioni di posare da qualche parte il loro pesante strumento di lavoro,  erano realizzati  in pietra. Solo più tardi si pensò di usare altri materiali, quali il legno e  il metallo, per rendere questo supporto più comodo e consono alla sua funzione. Entrato nella Storia, l'uomo iniziò a pensare che tanto lusso fosse destinato esclusivamente a una classe d'elite. I primi ad usufruire dei divani, furono i Faraoni dell'Antico Egitto e per un certo tempo,  il divano rimase una comodità riservata unicamente alla classe governante. Durante il Medioevo, gli Ottomani rivoluzionarono completamente il concetto di divano il quale divenne di uso comune, sia nelle classi  ricche che tra la popolazione benestante. Durante il governo di Luigi XV di Francia, i cittadini riuscirono finalmente ad ottenere il loro tanto agognato divano,  ma  solo  nel 1941  divenne di uso comune e destinato a tutti…

Salsa cubana e gestualità: come imparare a muoversi

I Balli caratteristici  del Caraibe sono numerosi, oltre alla ben nota salsa, derivante dal  Son, nelle sue varianti: Cubana, Portoricana, Losa Angles e New York Stile, troviamo la romantica Bachata e il Merengue di provenienza domenicana, inoltre vanno ricordati i  balli folcloristici provenienti da Cuba quali la Rumba e l'Afro. Il  più giovane e moderno dei balli che sta spopolando in Cuba è sicuramente il reggaeton, qualunque sia il genere danzario che decidiamo di ballare e interpretare è buona norma perfezionare il proprio stile grazie a dei corsi specifici di gestualità. Attualmente i corsi digestualità o portamentoesistono sia al femminile che al maschile, anche se, tendenzialmente sono in prevalenza corsi al femminile, mentre gli uomini di solito frequentano sporadici stage di gestualità. A mio avviso l'uomo ha maggior difficoltà, rispetto alla donna ad acquisire determinati movimenti corporei. Nei corsi di gestualità femminile di salsa cubana, si insegna l'uso del c…