zanox

sabato 10 marzo 2012

Cesteria: l'arte di intrecciare

La cesteria  è l'arte  antica di  confezionare ceste ed altri accessori  intrecciando  rami  e   fibre di varie  piante.
Fra queste occupa un posto di prestigio il comune salice, pianta dalle mille risorse e molto facile da riprodurre. Il salice è sempre stato utilizzato per  la creazione di cesti, per la  legatura delle viti, per la realizzazione di  panieri, ecc.
Altre piante che si utilizzano  sono ulivo, vitalba, canne palustri, sanguinello olmo.
La cesteria non costituisce solo la creazione di cesti ma anche di altri oggetti di intreccio, ed è tra le opere di artigianato una delle più antiche del mondo. Possiamo pensare infatti che l'uomo, da sempre, abbia avuto necessità di contenitori per introdurvi i frutti naturali che raccoglieva. Da ciò la necessita di intrecciare foglie, arbusti di qualsiasi genere per costruire dei contenitori.  L'arte dell'intreccio si è tramandata verbalmente da uomo a uomo. I cesti più antichi risultano quelli trovati nel sito archeologico delle Navi di Pisa a  San Rossore, in quel luogo infatti si sono venute a creare le condizioni per la conservazione di manufatti così delicati che generalmente non resistono all'usura del tempo.
I cesti possono essere di ogni forma e dimensione in rapporto all'uso, vengono realizzati con tecniche e materiali diversi se usati come contenitore, come gabbia o imballaggio.
Oltre ai cesti ogni contadino sapeva costruire tutto ci che gli serviva per la propria attività in campagna e nella vita di tutti i giorni, così nei musei della civiltà contadina, sparsi un po' in tutt'Italia, possiamo trovare intrecci di tutti i tipi ed in qualche caso davvero curiosi come graticci, ceste per le chiocce, portafiaschi, girelli e culle per neonati ed altri cesti dalle forme più strane, ma che avevano tutti una loro funzione specifica.
Nella cesteria si  possono creare contenitori robusti e leggeri,  dando spazio alla propria creatività, come in un quadro, l’arte dell’intreccio assorbe gradevolmente la mente e, rametto dopo rametto, si vengono a formare tessuti, capaci di contenere, di sopportare pesi, ma soprattutto capaci di raccontare la storia di un legame profondo tra l’uomo e la natura.  Un mestiere che  è andato  scomparendo e  che in alcune  fattorie si cerca di  far conoscere e  rifiorire recuperando tecniche e antiche tradizioni che un tempo si tramandavano di padre in figlio, grazie a dei corsi strutturati dove maestri dell'intreccio sono a disposizione per insegnare e appassionare le persone che interveranno, con pochi trucchi e della tecnica di base ognuno potrà imparare e portarsi a casa il cesto creato da se. 

Il 20 di Maggio dalle ore 9.30 alle 18.00 si terrà un corso di cesteria.
Il corso si svolgerà presso la Fattoria dell'Autosufficienza a Paganico, Bagno di Romagna (FC).
Per partecipare ai corsi è richiesta l'iscrizione all'associazione Scuola di Ecologia Applicata.



                        
          

5 commenti:

  1. un corso di cesteria... non l'avrei mai pensato...
    monica c.

    RispondiElimina
  2. Che belli sono i cesti realizzati a mano!!!

    RispondiElimina
  3. Si belli da piccolina intrecciavo...l'erba rami rametti...

    RispondiElimina
  4. Deve essere una soddisfazione realizzare qualcosa con le proprie manine!!!

    RispondiElimina
  5. A me piace un sacco realizzare cose di ogni tipo sin da quando ero piccolina, sarà che mia madre ci faceva fare tante cose manuali ed ho mantenuto l'interesse

    RispondiElimina

Lasciate un commento: Grazie :-)!!!

Follow by Email

V. B. lw

buzzoole code Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...